Tutto sulle tartarughe azzannatrici: cosa fare se ne incontri una e in caso di morso

Le tartarughe azzannatrici possono essere animali pericolosi, soprattutto per il loro morso potente e doloroso.

Le tartarughe sono animali domestici molto amati, ma spesso sottovalutati per la loro natura tranquilla e pacifica. Tuttavia, alcune specie di tartarughe possono essere pericolose, soprattutto per il loro morso. In particolare, le tartarughe azzannatrici sono note per la loro aggressività e per il fatto che possono infliggere morsi molto dolorosi. In questo articolo vedremo quali sono le tartarughe azzannatrici più pericolose, come prevenire gli attacchi e cosa fare in caso di morso.

Le tartarughe azzannatrici più pericolose

Le tartarughe azzannatrici appartengono alla famiglia dei Chelydridae e sono presenti soprattutto in America del Nord e Centrale. Le specie più pericolose sono la tartaruga azzannatrice comune (Chelydra serpentina) e la tartaruga azzannatrice della Florida (Macrochelys temminckii), che possono raggiungere dimensioni notevoli e avere un morso molto potente.

La tartaruga azzannatrice comune è diffusa in gran parte del Nord America ed è caratterizzata da un carapace marrone scuro e una testa grande e appiattita. La tartaruga azzannatrice della Florida, invece, è presente soprattutto nella regione sudorientale degli Stati Uniti ed è la più grande tartaruga d’acqua dolce del mondo, con una lunghezza massima di oltre un metro e un peso di circa 80 kg.

Come prevenire gli attacchi

Per prevenire gli attacchi delle tartarughe azzannatrici è importante seguire alcune semplici regole di comportamento. In primo luogo, è consigliabile evitare di disturbare le tartarughe quando si trovano in acqua o sulla riva, in particolare durante la stagione riproduttiva (primavera-estate). In questo periodo, le tartarughe possono essere particolarmente aggressive e territoriali.

Inoltre, è importante non avvicinarsi troppo alle tartarughe azzannatrici, soprattutto se si tratta di esemplari di grandi dimensioni. Se si vuole osservare una tartaruga da vicino, è consigliabile farlo da una distanza di almeno 3-4 metri e senza disturbare l’animale.

Cosa fare in caso di morso

Se si viene morsi da una tartaruga azzannatrice, è importante agire prontamente per evitare complicazioni. In primo luogo, è necessario lavare la ferita con acqua e sapone e disinfettarla con un antisettico. In caso di morso profondo o sanguinante, è consigliabile rivolgersi immediatamente a un medico o a un pronto soccorso.

Inoltre, è importante tenere sotto controllo la ferita nei giorni successivi al morso, per verificare la presenza di eventuali segni di infezione (rossore, gonfiore, pus). Se si manifestano sintomi di infezione, è necessario rivolgersi nuovamente a un medico per una valutazione e un eventuale trattamento antibiotico.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Gli animali del film Disney “La Sirenetta”

Come insegnare al tuo cane a fare i bisogni fuori casa: consigli utili

Leggi anche